Pentito Scarantino sulle condizioni nel carcere di Pianosa

“Nel carcere di Pianosa andavo a colloquio, mi facevano spogliare nudo e c’era la paletta, quella per controllare se c’è ferro, e mi davano dei colpi nelle parti intime. Dopo mi dicevano di guardare a terra e mi davano schiaffi in bocca perché guardavo a terra. Guardavo a loro e mi davano calci con gli anfibi. Sembrava il carcere di ‘fuga da mezzanotte'”. Così il falso pentito Vincenzo Scarantino rispondendo alle domande del procuratore aggiunto di Caltanissetta, Gabriele Paci sulla sua detenzione a Pianosa, nell’udienza del processo sul depistaggio per la strage di via D’Amelio. “Mi orinavano nella minestra, mi mettevano le mosche e i vermi che si usano per pescare nella pasta. I primi giorni non me ne accorgevo perché tenevo la luce spenta. Poi la guardia è stata gentile e mi ha detto di accenderla. E allora ho cominciato a non mangiare più – ricorda Scarantino – All’inizio pensavo più di 100 chili poi mi sono ridotto a circa 53 chili”.

Condividi
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.