PIAZZA ARMERINA – Uccide il padre a coltellate in una macelleria

Prima ha postato su Facebook un lungo attacco contro i migranti, la sua ossessione quotidiana, Richard Gere, i massoni, i «poliziotti corrotti», i giudici che scarcerano gli spacciatori con eccessiva facilità e qualche amministratore locale. Poi ha ucciso il padre sgozzandolo con un coltello. La scena ha avuto come testimoni inorriditi i clienti di un supermarket della carne a Piazza Armerina, antico borgo del cuore della Sicilia, e un’altra figlia della vittima, sorella dell’assassino, Elide di 21 anni.

La matrice del delitto viene ora cercata nei pensieri scomposti e deliranti di Carlo Lo Monaco, 30 anni, conosciuto dai servizi sociali per i suoi disagi psicologici. All’apparenza nulla però lasciava pensare che il giovane avesse maturato l’idea di uccidere il padre Armando, 53 anni, giunto in Sicilia tre giorni fa dalla Germania dove si era formato un’altra famiglia.
Carlo è uscito di casa con il coltello che poi, all’improvviso, ha tirato fuori dalla tasca per scagliarsi violentemente contro il padre impegnato nell’acquisto della carne. Dal negozio, in via Muscarà, nel centro della cittadina, si è quindi allontanato per rientrare a casa. E qui è stato alla fine prelevato dalla polizia avvertita intanto da un avvocato che aveva in passato assistito Carlo Lo Monaco.

I suoi post su Facebook offrono ora il quadro di un soggetto molto disturbato che prendeva di mira «poliziotti corrotti», una psicologa, Richard Gere e i personaggi che, a suo giudizio, lavorerebbero per attuare il «piano Kalergi». Il piano prende il nome da un filosofo austriaco negazionista dell’Olocausto e si basa sulla credenza che esista un complotto per l’incentivazione dell’immigrazione africana e asiatica verso l’Europa. In un post pubblicato ieri Lo Monaco prendeva di mira anche l’attore americano che ha visitato i migranti raccolti dalla Open Arms. “Io non chiamerei Richard Gere neanche il mio barboncino…», scriveva.

Nella formazione del giovane hanno pesato non poco letture molto connotate alle quali si era ispirato, nei suoi profili social, scegliendo lo pseudonimo di Apophis Apep come l’antica divinità egiziana che incarnava il caos. Nel suo lungo scritto pubblicato questa mattina, appena un’ora prima del delitto, il giovane si scagliava pure contro i «massoni» infiltrati in molti settori, i «poliziotti corrotti» e i giudici che con facilità scarcerano spacciatori di droga. «Siamo in pericolo», scriveva indicando i suoi «nemici» con nomi, funzioni e perfino fotografie.

L’ASSASSINO CARLO LO MONACO, 30 ANNI, conosciuto dai servizi sociali per i suoi disagi psicologici.
Condividi
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.