PORTO EMPEDOCLE – 3 omicidi, confessa il pentito Luigi Putrone

A processo per tre omicidi di mafia il collaboratore di giustizia, Luigi Putrone, 55 anni, di Porto Empedocle, che si è autoaccusato dichiarando di avere avuto un ruolo negli omicidi di Giuseppe Lo Zito, Ignazio Filippazzo e Roperto Papia.
Ieri mattina prima udienza davanti al Gup di Palermo Lorenzo Matassa. I
familiari delle vittime si sono costituiti parte civile. L’omicidio Lo Zito avvenne ad Agrigento, nel 1987, quando Putrone era affiliato a Cosa Nostra e aveva come rivale la Stidda, a cui pare appartenesse lo stesso Lo Zito. Putrone avrebbe fornito ai killer alcune
informazioni per rintracciare lo stiddaro che fu poi assassinato. L’omicidio Filippazzo si consumò nel 1992 a Porto Empedocle, perchè aveva osato chiedere il pizzo ad imprenditori scavalcando di fatto la famiglia mafiosa che gestiva il racket. Putrone avrebbe partecipato ad una riunione in cui i boss decisero l’eliminazione di Filippazzo.
L’omicidio Papia fu compiuto nel settembre del 1994. A sparare sarebbe stato lo stesso Putrone con la complicità di un altro mafioso. Per gli stessi fatti di sangue sono stati già condannati altri imputati.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.