PORTO EMPEDOCLE – Ida Carmina:”Decisioni calate dall’alto, da potentati politici”

Alla vigilia della fissazione del Consiglio comunale di Porto Empedocle che andrà a decidere se sfiduciare o meno la sindaca Ida Carmina, questa mattina durante una conferenza stampa, la stessa sindaca insieme ai portavoci alla Camera dei Deputati, Michele Sodano e Rosalba Cimino, hanno spiegato le ragioni del no alla sfiducia.

“Noi non ci tiriamo mai indietro, e la sindaca Carmina continuerà a lavorare per Porto Empedocle e per i cittadini empedoclini, ha dichiarato il deputato Michele Sodano. Sono dell’idea che la politica deve essere in mano ai cittadini, e la sindaca Carmina ne è un esempio in questo senso; lei, ha ribadito Sodano, ha un contatto e un dialogo importante con il governo nazionale tramite noi deputati agrigentini alla Camera e al Senato, e adesso stiamo lavorando per portare lustro a Porto Empedocle. Siamo in contatto con Anas, con la Regione siciliana, e questi 5 milioni di euro è solo un’anticipazione che doveva arrivare nel 2020, ma è arrivata adesso per pagare i dipendenti comunali, per pagare le ditte dei rifiuti, e finalmente uscire dal debito”, ha concluso Sodano.

E sulla sfiducia la stessa Carmina ha tenuto a precisare che “ancora una volta le sorti di Porto Empedocle sarebbero decise dall’alto, da potentati politici. E non possiamo permetterlo, non ci possiamo permettere adesso di ritornare ad avere un commissario straordinario che amministri la città”.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.