PORTO EMPEDOCLE – Il Gip non convalida l’arresto di Anna Messina

Arrestata e liberata a tempo di record Anna Messina, sorella del boss di Porto Empedocle, Gerlandino Messina.

La donna (difesa dall’avvocato Salvatore Pennica) è stata arrestata dai carabinieri lo scorso 26 aprile perché trovata al Centro vaccini di Porto Empedocle per sottoporre la figlioletta di due mesi e mezzo al trattamento obbligatorio.

Essendo la donna agli arresti domiciliari e trovata fuori casa, i carabinieri hanno proceduto all’arresto. Arresto che non è stato convalidato dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento, Alfonso Malato che non ha ritenuto grave il comportamento della donna ma, anzi, ha evidenziato come la stessa, attraverso anche l’opera del suo legale, aveva avvisato tempestivamente carabinieri e polizia del suo spostamento verso il centro vaccini; aveva richiesto ritualmente il permesso ai giudici della terza sezione penale della Corte d’appello (permesso ottenuto ma arrivato in ritardo) aveva la documentazione sanitaria in regola e precedentemente ottenuta.

Pertanto, il giudice Malato ha disposto di non convalidare l’arresto.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.