PORTO EMPEDOCLE – “Lavori in cambio di soldi”, Fresco rimesso in libertà

Accogliendo le istanze dei difensori, gli avvocati Raimondo Tripodo e Mariangela Cucchiara, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, ha sostituto la misura cautelare degli arresti domiciliari con l’obbligo di dimora ad Agrigento a favore di Luca Fresco, 42 anni, il sottocapo in servizio alla Guardia Costiera di Porto Empedocle arrestato lo scorso 29 marzo per l’ipotesi di reato di “millantato credito”.  Fresco avrebbe millantato di essere in condizioni di garantire, in cambio di modeste somme di denaro, assunzioni e certificazioni.

Condividi
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.