PORTO EMPEDOCLE – Luigi Putrone confessa tre omicidi di mafia

A processo per tre omicidi di mafia. L’ex killer Luigi Putrone, da tempo collaboratore di giustizia, si è autoaccusato dei delitti su cui la giustizia si era già espressa condannando altri imputati. Il cinquantacinquenne empedoclino, catturato dai carabinieri nel 2005 in Repubblica Ceca, ha raccontato di avere avuto un ruolo nell’uccisione di Giuseppe Lo Zito, Ignazio Filipazzo e Roberto Papia.

Questa mattina si doveva celebrare la requisitoria del pubblico ministero ma l’assenza del gup di Palermo, Lorenzo Matassa, davanti al quale è in corso il processo con rito abbreviato, ha costretto a un rinvio al 24 marzo. I familiari delle vittime  si sono costituiti parte civile.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.