PORTO EMPEDOCLE – Mafia: intimidazione alla ditta di calcestruzzi di Gibilaro

Una intimidazione di chiaro stampo mafioso è stata perpetrata nei pressi del porto di Porto Empedocle. Ignoti malviventi hanno cosparso di liquido infiammabile una betoniera che era parcheggiata all’imbocco dello scalo marittimo empedoclino. Il mezzo  è di un’impresa empedoclina di calcestruzzi appartenente a Gerlando Gibilaro, 33 anni, di Agrigento, coinvolto l’anno scorso nel blitz antimafia denominato “Nuova Cupola”. Il fatto si è verificato sabato scorso, ma la notizia è trapelata soltanto adesso. A scoprire l’inquietante avvertimento è stato l’autista non appena si è avvicinato al mezzo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Agrigento e gli esperti della Scientifica dell’Arma.  Un primo rapporto è già stato trasmesso alla Procura della Repubblica di Agrigento e alla Direzione distrettuale antimafia di Palermo.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.