PORTO EMPEDOCLE – “Non doversi procedere” per commerciante

La giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Ermelinda Marfia, accogliendo le istanze del difensore, l’ avvocato Gianfranco Pilato, ha emesso sentenza di non doversi procedere a favore di Calogero Sacco, di Porto Empedocle, commerciante, accusato di violenza e minaccia a pubblico ufficiale allorchè il 5 gennaio 2012, a Porto Empedocle, si è scagliato con frasi offensive contro due poliziotti intenti a multare il figlio per violazione del codice della strada. Il pubblico ministero ha invocato la condanna a 1 anno di reclusione. L’ avvocato Gianfranco Pilato ha invece eccepito che il comportamento di Calogero Sacco configura il reato di minaccia semplice, che è un reato procedibile a querela di parte, e la querela è mancante. E quindi ecco la sentenza di non doversi procedere per mancanza della condizione di procedibilità.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.