PORTO EMPEDOCLE – “Non doversi procedere” per commerciante

La giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Ermelinda Marfia, accogliendo le istanze del difensore, l’ avvocato Gianfranco Pilato, ha emesso sentenza di non doversi procedere a favore di Calogero Sacco, di Porto Empedocle, commerciante, accusato di violenza e minaccia a pubblico ufficiale allorchè il 5 gennaio 2012, a Porto Empedocle, si è scagliato con frasi offensive contro due poliziotti intenti a multare il figlio per violazione del codice della strada. Il pubblico ministero ha invocato la condanna a 1 anno di reclusione. L’ avvocato Gianfranco Pilato ha invece eccepito che il comportamento di Calogero Sacco configura il reato di minaccia semplice, che è un reato procedibile a querela di parte, e la querela è mancante. E quindi ecco la sentenza di non doversi procedere per mancanza della condizione di procedibilità.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.