PORTO EMPEDOCLE – Presentato il progetto della nuova stazione Marittima[FOTO][VIDEO]

Si avvia la gara d’Appalto per la realizzazione della nuova Stazione Marittima il cui progetto è stato presentato ufficialmente  alla Stampa, questa mattina, nell’ufficio del Sindaco di Porto Empedocle, Lillo Firetto. Le procedure avranno una durata di quattro mesi dopo di che, partiranno i lavori che dureranno circa un anno. Come tutti i grandi porti turistici anche lo scalo marittimo di Porto Empedocle presto avrà quindi una sua nuova moderna stazione marittima, con uffici, negozi e servizi per i passeggeri nonché sale di accoglienza in grado di poter ospitare i turisti e gli operatori e dove poter effettuare le operazione d’imbarco e sbarco dei passeggeri. La planimetria del nuovo edificio  è stata illustrata oltre che dal sindaco anche dai responsabili dell’Ufficio Tecnico Comunale alla presenza del Comandante della Capitaneria di Porto, Massimo Di Marco.

Con il Decreto della Regione Sicilia del 25 marzo scorso finalizzato a “Lavori di realizzazione della nuova sede della stazione marittima del porto” è stato ottenuto il finanziamento di complessivi un milione di euro per la realizzazione della nuova struttura che sorgerà nell’area portuale al posto di un fabbricato demaniale in disuso che verrà demolito. Si tratta di un vero e proprio “fiore all’occhiello” per il porto e la Città. Al piano terra è prevista l’area di attesa con biglietterie, bar, edicola tabacchi, deposito bagagli, Ufficio turistico e servizi igienici. Al primo piano ci sarà la caffetteria con servizio ristorazione e ampia terrazza panoramica sul porto.

“E’ un’opera che qualificherà significativamente il nostro porto, funzionalizzandolo ulteriormente sul versante del movimento turistico – dichiara Lillo Firetto. –  Un ulteriore tassello nel Piano Strategico di sviluppo portuale!”.


 

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.