PORTO EMPEDOCLE – Sangue infetto, 770mila euro ad una famiglia

Accogliendo le istanze dei difensori, gli avvocati Angelo Farruggia e Annalisa Russello, il Tribunale di Palermo ha condannato il ministero della Salute e l’assessorato regionale alla Salute a pagare a favore di una famiglia di Porto Empedocle 770mila euro come risarcimento dei danni non patrimoniali, morali ed esistenziali, subiti a seguito della morte del loro congiunto, F B sono le iniziali del nome, deceduto a 45 anni di età dopo avere subito il contagio del virus dell’epatite C nel corso di una trasfusione di sangue praticata nel 1985 all’ Ospedale di Sciacca.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.