PORTO EMPEDOCLE – Ultimo sbarco, 133 casi di scabbia. l’intervento di Di Rosa

Trecento migranti, fra loro 38 donne e 68 minori, sono sbarcati stanotte sulla banchina di Porto Empedocle (Ag). Quasi la metà dei migranti, 133 persone, sono affette da scabbia. I migranti sono stati salvati dalla nave civile inglese «Fast Sentinel» ed erano stati inizialmente portati a Pozzallo (Rg), dove non c’era posto. S’è così deciso il trasferimento, con 4 motovedette della Guardia costiera, a Porto Empedocle. I migranti provengono da Eritrea, Mali, Costa d’Avorio e Guinea.

Ieri 6.500 migranti sono stati soccorsi nel Canale di Sicilia in 40 operazioni coordinate dalla Guardia Costiera. Si tratta di uno dei numeri più alti di persone recuperate in un solo giorno. Negli ultimi quattro giorni sono state circa diecimila le persone prese a bordo delle navi che presidiano il tratto di mare tra la Libia e l’Italia.

A seguito dell’ accertamento di 133 casi di scabbia tra i 300 migranti sbarcati nottetempo a Porto Empedocle, il coordinatore provinciale di Noi con Salvini di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, rilancia il problema della mancanza ad Agrigento di un reparto malattie infettive e aggiunge : “Torniamo a chiedere che, senza indugi, l’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento si attivi per completare nell’immediato le procedure necessarie a dotare la nostra provincia del sempre più essenziale “reparto malattie infettive” nel rispetto della salvaguardia della salute pubblica che ricordo a tutti è nelle mani dei Sindaci che invito ad unirsi al nostro allarme”.

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.