PROMOZIONE – Libertas Racalmuto, altro preoccupante Ko interno con l’Altofonte

La peggiore Libertas Racalmuto della stagione soccombe anche contro l’Altofonte, e adesso c’è seria preoccupazion e, perchè si tratta della terza sconfitta consecutiva, la quarta, considerata anche la gara di Coppa Italia. Insomma, alla Libertas sembra aver fatto male, fermare la capolista Partinicaudace. Da allora, un solo punto ottenuto a Casteltermini, dove la squadra ha giocato fino al 55′ , e poi, il nulla. La Libertas sembra essersi pericolosamente smarrita, e le motivazioni, al momento, sono inspiegabili. La classifica è ancora rassicurante, ma potrebbe coinvolgere i racalmutesi, in una imprevista situazione che, la vedrebbe risucchiata in zona play-out. E’ stata una partita brutta quella vista oggi contro l’Altofonte, in cui i pochi infreddoliti presenti in tribuna, sono andati via dalla stadio delusi ed amareggiati. Attenzione, l’Altofonte non ha rubato nulla, ma ha dimostrato di non essere trascendentale tanto quanto la Libertas. Ha avuto, però, la bravura di concretizzare le sue poche azioni condotte in avanti, nel primo tempo con il gol di Gaglio F, al 41′ complice, come sempre, una difesa troppo statica e in ritardo sull’avversario. Nella ripresa, è subito pareggio della Libertas su calcio di rigore, trasformato da Russo, e dalui stesso procurato, per un fallo ai suoi danni in piena area di rigore. Al 60′ anche agli ospiti veniva concesso un rigore netto che Gaglio D., segnava, impeccabilmente spiazzando Giardina. Poi, l’inspiegabile reazione di La Mendola nei confronti del direttore di gara che, giustamente, lo espelleva, e per la Libertas in 10 contro 11, per quasi 30 minuti, tutto si complicava e si concludeva con la vittoria degli ospiti per 2-1, e la nuova sconfitta interna della Libertas, ormai, smarrita nel gioco e nella tenuta atletica. Occhio agli avversari, perchè, in passato, Bologna e Sampdoria in Serie A, pur con un margine rassicurante sulle avversarie, hanno insegnato che la salvezza se non la raggiungi il prima possibile, rischi di perderla. Ma su questo facciamo i dovuti scongiuri.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *