PROMOZIONE – Recupero, l’Olimpica Akragas demolisce la capolista Misilmeri, finisce 4-2

Questa volta la malasorte non ferma l’Olimpica Akragas. Nel bis della gara contro la capolista Don Carlo Misilmeri reduce da 12 vittorie consecutive, la formazione di mister Giovanni Falsone per 60 minuti sfodera una prestazione impeccabile sotto tutti i punti di vista e sul piano del gioco , dal punto di vista tecnico- tattico sovrasta il Don Carlo Misilmeri. Su tutti spicca la prestazione devastante dell’esperto Settecase con lui in campo, i padroni di casa trovano il gol del vantaggio da cineteca ed è sempre lui a confezionare l’azione che porta al raddoppio con Santangelo. Un elogio a parte merita anche il difensore Musa il migliore in assoluto di tutta la gara, autore della terza rete ad inizio ripresa, il difensore di colore onnipresente non solo nel suo reparto, davvero esemplare la crescita dell’ex Libertas Racalmuto. E sempre nel secondo tempo, al 55′ arriva il poker di reti con Leandro Cimino , l’altro acquisto azzeccato con il mercato di dicmebre. A questo punto l’Olimpica Akragas cade stranamente nella trappola delle provocazioni e , a farne le spese è proprio Settecase che, in un parapiglia di polemiche e proteste con gli avversari viene mandato anzitempo negli spogliatoi. Con l’Olimpica Akragas in inferiorità numerica diventa logico che , gli ospiti tentino di salvare l’orgoglio di capolista e, con Corso prima al 68′ e Vitale all’86 riescono a rendere meno mara la sconfitta. Alla fine il risultato ci sta tutto, l’Olimpica Akragas ha meritato di vincere , blinda il quarto posto che le permetterà di affrontare i play-off seppure in trasferta con il rammarico che, questa formazione , se non si fosse perso qualche punto soprattutto all’Esseneto ad opera di avversari non certo irresistibili e, se non si fossero messi per mezzo vicissitudini societarie, sicuramente si sarebbe potuto puntare al salto diretto in Eccellenza. Ma se l’Olimpica scende in campo cosi compatta e determinata nelle gare di play-off, siamo convinti che potrà centrare il traguardo che di certo merita. Una menzione la merita anche l’arbitro La Verde di Caltanissetta che, tra la gara delicata per la salvezza di domenica scorsa tra Libertas Racalmuto- Villabate e lo scontro al vertice tra “Olimpica Akragas- Don Carlo Misilmeri” ha dimostrato capacità di saper tenere in mano le redini di due partite delicate. Non lo facciamo mai, ma a questo arbitro riconosciamo le capacità di saper gestire anche momenti spigolosi dei match, tensioni che , di certo non sono mancate nè domenica a Racalmuto e nemmeno ieri ad Agrigento all’Esseneto. Il fischietto La Verde farà strada.

Condividi
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.