“Puttana scomparsa, il padre coglione” fuorionda shock dei carabinieri [VIDEO]

 

“Quella puttana scomparsa…questa è una puttana. E’ una zoccola ed ora non ce ne possiamo fottere perché c’è “Chi l’ha visto?” che se ne occupa. Il padre poi rompe sempre i coglioni in caserma, anche a Ferragosto. L’ho cacciato. E’ un coglione”.

Una registrazione choc. A parlare sarebbero due carabinieri, in riferimento alla scomparsa di Provvidenza Grassi, la 27enne ritrovata morta qualche giorno sotto il viadotto Bordonaro, sulla Catania-Messina. 

La clamorosa conversazione che riguarderebbe due militari dei carabinieri di Messina è stata captata casualmente dalla troupe della trasmissione di Rai 3 “Chi l’ha visto?” e mandata in onda ieri sera in diretta, scatenando un’autentica bufera sull’Arma. Termini pesantissimi che non sono certo passati inosservati e che la trasmissione Rai ha riproposto insistentemente. Tanto che la conduttrice Federica Sciarelli è stata costretta a precisare: “E’ un documento che non avremmo mai voluto mostrarvi speravamo di ritrovare Provvidenza viva da qualche parte ma non è stato così. Non vogliamo generalizzare, tutti noi sappiamo quanto i carabinieri, tantissimi di loro ci mettono l’anima e il cuore e quanto sono vicini ai familiari dei nostri scomparsi. Ma purtroppo ancora succede che la vittima viene trattata come una poco di buono che decide di andare via e di lasciare nell’angoscia i familiari, poi arriva “Chi l’ha visto” e allora bisogna occuparsene”.

Il carabiniere parlando al telefono con un collega si mostrerebbe più che infastidito dall’atteggiamento del padre della ragazza il quale si sarebbe recato in caserma (una non precisata caserma di Messina) “anche di domenica” e perfino “a Ferragosto”, per cercare di sollecitare le ricerche della figlia scomparsa. Una telefonata che getta discredito sulle forze dell’ordine e ombre sulle attività d’indagine.

FONTE : LA SICILIA WEB
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.