RACALMUTO – 4 AUTO IN FIAMME NELLA NOTTE [FOTO][VIDEO][Vd Tg98]

Notte di fuoco a Racalmuto.. Quattro auto sono state distrutte dalle fiamme, in via Filippo Villa, di fronte la villa comunalein pieno centro. Il rogo si è verificato intorno alle ore 23.30. Le fiamme hanno danneggiato le quattro autovetture che erano parcheggiate una accanto all’altra. Mezz’ora dopo, i vigili del fuoco di Canicattì sono stati costretti ad intervenire. Ma delle auto è rimasto ben poco come si può notare dalle foto.

A dare l’ allarme sono stati gli abitanti della zona, che per primi udivano i tonfi delle prime
esplosioni dei cristalli delle autovetture. Tempestivamente sul posto, vista anche la vicinanza con l’ ubicazione della locale stazione carabinieri, l’ intervento dei militari che mettevano in sicurezza la via, evitando a passanti e curiosi di avvicinarsi al rogo. Solo l’arrivo di due squadre di vigili del fuoco dalla vicina Canicattì, ha permesso lo spegnimento dell incendio che si e’ concluso con la distruzione di 4 autovetture. Sul posto i militari dell’ arma e i vigili del fuoco hanno ritrovato un contenitore contenente tracce di liquido infiammabile , che è servito ai piromani ad appiccare l’ incendio. Quindi, gli investigatori, non hanno dubbi sulla dolosità dell’atto che era presumibilmente mirato ad una delle autovetture, il cui proprietario, aveva già subito qualche mese fa, a maggio, l’incendio di un fuoristrada, Hyundai ix35 ,vedendo poi di riflesso coinvolgere le altre auto . Gli operatori del fuoco si prodigavano per oltre un ora per arrestare le fiamme.  Ormai, le auto in fiamme a Racalmuto sembra diventare un periodico a cadenza. Dall’inizio dell’anno sono una ventina le auto distrutte. Lo scorso 20 luglio è stata data alle fiamme l’auto di un armiere.  Il 23 giugno, sabato sera, sempre in pieno centro, a pochi metri dalla locale stazione dei Carabinieri è stata distrutta l’auto di un giovane. Il 28 maggio, in Contrada Zaccanello sono stati dati alle fiamme tre camion di proprietà dell’impresa “Agrigentina Calcestruzzi”,anche in questo caso è stata rinvenuta una bottiglia incendiaria. Il 27 aprile, in pieno pomeriggio, veniva cosparsa di liquido infiammabile, l’Opel Zafira di colore grigio di proprietà di Giuseppe Guagliano, allora presidente della locale Pro Loco.  Il 27 gennaio, due incendi divampati di notte, a distanza di 24 ore l’uno dall’altro, nel centro urbano del paese. Le fiamme avvolgevano una Fiat Panda e un furgone di proprietà di una ditta di onoranze funebri la “fratelli Collura”. Tranne qualche rarissimo caso di corto circuito, gli inquirenti si trovano quasi sempre davanti ad azioni dolose e criminali. Ormai si può parlare di recrudescenza del fenomeno.




Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.