RACALMUTO – 50 mila euro per rimettere in moto il teatro Regina Margherita[VIDEO]

Ancora una proficua trasferta per il commissario prefettizio del comune di Racalmuto, Filippo Romano, che dal suo terzo incontro avuto presso la Prefettura di Palermo, nel giro di due settimane, ritorna con un nuovo finanziamento per il paese che attualmente amministra insieme ai suoi collaboratori Enrico Galeani ed Emilio Saverio Buda. Dopo i 300 mila euro per il sistema di video-sorveglianza in tutti i punti nevralgici del paese e i quattrocento mila euro per la copertura della piscina di via Filippo Villa, Romano ha avuto la certezza che il Teatro Regina Margherita di Racalmuto quanto prima riaprirà i battenti e sarà finalmente e definitivamente restituito alla collettività. Infatti, presso la Prefettura di Palermo si è concluso positivamente l’esame del progetto che prevede un finanziamento di 50.000 euro per la messa in sicurezza del teatro. I lavori che verranno effettuati metteranno a norma le uscite di sicurezza e gli impianti antincendio, consentendo così alla struttura piena fruibilità. Circa i tempi di realizzazione c’è l’impegno della Commissione, che attualmente guida il Comune, di accelerare i tempi. Anche durante l’ultima visita del Ministro dell’Interno Cancellieri era stata riservato un certo interesse verso la struttura che, nonostante la riapertura del 2003 alla Presenza del Capo dello Stato, allora, Carlo Azeglio Ciampi, e qualche stagione teatrale allestita con discreto successo, ha sempre sofferto per la non completa omologazione della struttura da parte degli enti competenti. Infatti, negli ultimi anni, il Teatro ha chiuso i battenti. Adesso, pur con qualche posto in meno e il collaudo ottenuto in piena regola, il teatro può diventare  una vera realtà.

Nicolò Giangreco

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.