RACALMUTO – Angelo Cipolla è stato ritrovato e sta bene [FOTO][VD TG]


E’ stato trovato, dalla squadra composta dai familiari e dai volontari, nei pressi del depuratore di contrada Fontana. E’ stanco e stremato, ma sembrerebbe essere in buone condizioni di salute il pensionato sessantasettenne di Racalmuto: Angelo Cipolla che era scomparso dalla tarda serata di venerdì. L’uomo, un ex impiegato della Forestale, è stato portato, con un’autoambulanza del 118, al pronto soccorso dell’ospedale “Barone Lombardo” di Canicattì dove i medici lo stanno sottoponendo a tutti i necessari accertamenti. Si tratta di controlli che vengono fatti in via precauzionale visto che il pensionato è stato fuori casa per circa due giorni.

L’ombra del sessantasettenne è stata notata, in contrada Fontana, dalla squadra di familiari e volontari. Partita la segnalazione di un possibile avvistamento, i carabinieri – che fin dalla tarda serata di venerdì non hanno mai smesso un solo secondo di cercare l’anziano – hanno cinturato l’area fino a trovare il pensionato.

Per tutta la giornata, dopo che è stato attivato il piano provinciale di ricerche persone scomparse, i carabinieri, i vigili del fuoco, la polizia di Stato, la Protezione civile e più di 60 volontari – alcuni dei quali hanno utilizzato le moto da motocross – hanno scandagliato, in maniera scientifica, ettari ed ettari del bosco di Sant’Antonino. Ed è stata applicata anche la tecnica della rilevazione satellitare. Ad essere costantemente informato, dal comandante provinciale dell’Arma: il colonnello Giovanni Pellegrino, anche il prefetto di Agrigento Dario Caputo.
Alle ricerche hanno partecipato anche il nucleo “Tas 2” e “Tas1” dei vigili del fuoco di Palermo e di Agrigento e il nucleo cinofilo di Siracusa.

 

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.