RACALMUTO – Bimba di 3 anni ingoia monetina di 20 centesimi, rischia il soffocamento. Salvata da intervento chirurgico al San Giovanni di Dio

L’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento è anche buona sanità.

Una bambina di 3 anni di Racalmuto , in auto insieme ai genitori ingoia una monetina da 20 centesimi che gli impedisce il regolare respiro, la bimba inizia a star male. Padre e madre capiscono subito la gravità del fatto e, intorno alle ore 22.30 , si recano al pronto soccorso dell’ospedale dove viene aperto immediatamente un codice rosso. La fortuna, oltre alla bravura dei medici ha voluto che la monetina non avesse raggiunto l’albero respiratorio della bimba, bensi l’esofago. Il reparto di Pediatria dell’ospedale con a capo il Dott. Giuseppe Gramaglia che, nonostante l’ora viene allarmato e grazie a tutta l0’equipe composta dal Dott. Giovanni Di Carlo, l’edoscopista , las rianimatrice Rosalinda Reina coadiuvata dalla Dott.ssa Carmen Liuzzo  e tutti gli infermieri della sala operatoria della Chirurgia endoscopica  della Pediatria , sottopongono la bimba all’intervento chirurgico. La bimba sottoposta ad anestesia viene liberata  dal dott. Di Carlo che riesce a pinzare la monetina facendola uscire dalla bocca. Una corsa contro il tempo, dove già alle 1.30 della notte, con l’intervento perfettamente riuscito e la bimba al risveglio  che sta bene e che può riabbracciare i propri genitori. Un vivo ringraziamento esprimono i genitori a tutto lo staff medico del San Giovanni di Dio , questa volta impegnato in un’operazione certamente di buona sanità.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.