RACALMUTO – Buscemi (Fp-Cgil) sulla situazione degli impiegati senza stipendio

La situazione è diventata insostenibile, i comuni, dopo i tagli dei trasferimenti statali e regionali che da anni si susseguono non riescono più a fare fronte al pagamento di svariati servizi; i primi a farne le spese sono stati i lavoratori del settore dei rifiuti che hanno dovuto scioperare con cadenza mensile per ricevere il loro stipendio. Adesso è la volta dei dipendenti comunali, di ieri la notizia che non sono stati pagati i dipendenti del comune di Racalmuto ma ad inquietare il segretario generale della FPCGIL Alfonso Buscemi “ è il comportamento della Regione Sicilia che non trasferisce le risorse agli Enti Locali quale contributo per i lavoratori precari; per l’anno 2014 è stato dato soltanto un acconto. Oggi si è svolta una affollata assemblea dei lavoratori precari del comune di Villafranca Sicula che da dieci mesi non percepiscono lo stipendio, dove è stato deciso di dichiarare lo stato di agitazione e chiedere al Prefetto di attivare le procedure contrattuali per la conciliazione, in assenza di risposte positive – continua Il Segretario Buscemi –  attiveremo tutti gli strumenti sindacali per denunciare quello che sta accadendo a danno dei precari. In particolare, in questo comune, chiediamo al Sindaco di farsi carico almeno della parte che compete all’Amministrazione locale. Le Istituzioni tutte, devono chiedersi come pensano di rispettare e fare rispettare la dignità dei lavoratori, di fare la lotta alla criminalità, se poi si lasciano le persone da sole che nonostante abbiano un lavoro non riescono a portare a casa un solo euro da dieci mesi, invito tutti, ognuno per la propria competenza a fare una seria riflessione  e trovare il modo di uscirne immediatamente.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.