RACALMUTO – Investito da auto sulla Ss 640 mentre fa jogging: è grave

Un quarantacinquenne, G.D.A., di Palermo, che faceva jogging è stato investito da un’automobile, intorno alle 12,30, sulla strada statale 640, nei pressi del bivio per Racalmuto. L’uomo, in vacanza nell’agrigentino, ad un certo punto si sarebbe spostato dal margine della carreggiata. Un’autovettura Renault Megane, che sopraggiungeva in quel momento evidentemente non ha fatto in tempo a frenare e lo ha investito. L’impatto è stato violento tanto che l’uomo è stato catapultato ad alcuni metri di distanza, ed ha perso conoscenza. Sul posto sono arrivate un’autoambulanza del 118 di Racalmuto e gli agenti della Polizia stradale di Agrigento. Il personale sanitario gli ha prestato i primi soccorsi e lo ha stabilizzato. A causa delle gravissime lesioni riportate è stato fatto atterrare nella zona un elisoccorso, che ha trasferito il palermitano al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, dove ora è ricoverato. Le condizioni del quarantacinquenne sono critiche, e la prognosi sulla vita è riservata. I rilievi di legge sono stati effettuati dagli agenti della Polstrada, che hanno ricostruito la dinamica. Ricoverato per le cure del caso anche l’autista della Renault, un cardiopatico, al quale sono state praticate le cure del caso per scongiurare un infarto per il forte stato di choc. In un attimo intorno all’incidente si è riversato buona parte di cittadini di Racalmuto spaventatisi per l’accaduto. Sin da subito si era capito che il corridore non fosse del luogo. Infatti, non avendo documenti addosso i miliatri solo poco dopo sono riusciti a risalire all’identita’ dello sfortunato sportivo le cui condizioni sono apparse subito disperate. Riscontrato uno sfondamento cranico.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.