RACALMUTO – La corte dei conti premia la gestione straordinaria

La Corte dei Conti premia la gestione straordinaria di Racalmuto.Con un parere ,il 14 dicembre scorso , ha approvato la difficile scelta di politica finanziaria della Commissione straordinaria di Racalmuto, mettendo nero su bianco tre punti fondamentali: il Comune è in una situazione di squilibrio finanziario tale da preludere a un prossimo dissesto; la Commissione straordinaria ha scelto la strada della procedura di riequilibrio finanziario pluriennale recentemente introdotta dal legislatore (D.L. 174 del 2012, pochi giorni fa convertito in legge: risanamento draconiano dell’Ente locale con debiti pregressi da “spalmare” in dieci anni e sotto diretto controllo dello Stato); pertanto la Corte dei Conti sospende la procedura di dissesto già avviata e “dà fiducia” al Comune e alla decisione di intraprendere il difficile iter di “auto-risanamento”.E’ una ordinanza molto tecnica, ma di fondamentale importanza pratica e di immediata incidenza per i racalmutesi: per i cittadini che non vedranno automaticamente tutte le tasse che ancora non lo sono attestarsi ai massimi di legge e per i dipendenti che non saranno licenziati (il dissesto taglierebbe senza deroghe tutti quelli superiori alle 65 unità, standard corrispondente alla popolazione comunale, sugli attuali 84 di ruolo e 72 contrattisti, cui si aggiungono i 66 asu-lsu e articolisti).Adesso la Commissione straordinaria può ben chiudere l’esercizio finanziario 2012 e cominciare subito a lavorare al bilancio del 2013, che non potrà esimersi da un generale riordino della macchina amministrativa e della finanza comunale e che sarà decisivo nella storia amministrativa del Comune.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.