RACALMUTO – Mozione di sfiducia, Assessori Matteliano, Canicattì e Petruzzella:”Deponete le armi”

LETTERA APERTA AI CITTADINI
Abbiamo accettato la sfida del governo per amore del nostro paese, perché abbiamo stima del sindaco, perché abbiamo creduto nelle dichiarazioni di impegno dei dirigenti politici e dei consiglieri comunali di “Racalmuto Prima di Tutto”, che un anno fa ci hanno scelto e proposto di entrare a far parte della Giunta. La presentazione della mozione di sfiducia, presentata da 14 consiglieri comunali, ci ha sorpresi fermandoci quando la nostra comunità doveva raccogliere i frutti di un lavoro intenso, che insieme al sindaco abbiamo portato avanti nell’esclusivo interesse del paese. Tanti e complessi i fronti della nostra azione: la raccolta differenziata è al 76% e la prossima settimana si dovrà iniziare a pianificare il passaggio di consegne con i nuovi aggiudicatari del servizio; la trasformazione a tempo indeterminato dei contratti dei lavoratori precari, un procedimento che si compone di diversi atti, alcuni dei quali sottomessi al controllo di organi di vigilanza con i quali si dovrà interloquire; l’audizione finale alla Corte dei Conti per chiudere il Piano di Riequilibrio Finanziario; la manutenzione delle strade urbane ed extraurbane con lavori programmati per oltre 400.000 euro; il Teatro Comunale e la biblioteca pronti per la riapertura, ed altro ancora. Riteniamo che la mozione di sfiducia è un danno per il paese. Stacca la spina alle istituzioni elette dal popolo, disarma il Consiglio, il Sindaco e la Giunta, quando si stanno realizzando e completando progetti finalmente in dirittura d’arrivo che impegneranno per i prossimi anni il nostro Comune, Riteniamo, invece, che consiglieri e le forze politiche, nei rispettivi ruoli di maggioranza ed opposizione, insieme al Sindaco, agli assessori, ai nostri impiegati, debbano impegnarsi nello sforzo di fine mandato. Viviamo con estremo disagio la condizione di giunta priva della fiducia di chi ha concorso a nominarla e l’interruzione di ogni rapporto con il consiglio comunale ci delegittima ad operare. Senza la legittimazione piena del Consiglio Comunale questa giunta è evidente che non può proseguire la propria attività. Ci uniamo al Sindaco nell’appello a deporre le armi, a ritrovare, in nome degli interessi primari della nostra comunità, un’intesa per la naturale scadenza del mandato. Per il bene primario della nostra comunità abbiamo agito sempre con onestà ed imparzialità e pertanto non esiteremo a metterci da parte ove fosse necessario. Ci rivolgiamo alle forze politiche, ai consiglieri comunali che le rappresentano, ai nostri impiegati, alle associazioni che animano la nostra comunità e con le quali, in questi giorni, stavamo pianificando le manifestazioni natalizie, perché riflettano, reagiscano, si mobilitino per rivendicare il diritto ad essere governati da un Consiglio Comunale, da un Sindaco e da una Giunta, e non da un Commissario. Valerio Canicattì Salvatore Petruzzella Carmela Matteliano

Condividi
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.