RACALMUTO – Nuovi particolari sul sequestro di pesce avariato

Emergono altri particolari sul sequestro, eseguito la vigilia di Natale a Racalmuto, di 3 tonnellate di prodotti ittici, trovati in cattivo stato di conservazione, all’interno di una azienda.

E’ baccalà la gran parte del pesce avariato, rinvenuto nei locali della ditta all’ingresso, destinato ad essere piazzato a commercianti ambulanti, che lo avrebbero venduto nei mercatini settimanali dell’Agrigentino.

I Carabinieri di Racalmuto insieme ai colleghi del Nas di Palermo, nell’ambito di una campagna natalizia mirata a controllare e reprimere i reati contro la salute pubblica, sono riusciti ad evitare che finisse sui banconi del mercato, e successivamente sulle tavole dei consumatori.

Una partita di stoccafisso, a quanto pare, era conservato sotto sale dal 2015. Sequestrati anche vasetti di pesce sott’olio dalle caratteristiche alterate.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 thoughts on “RACALMUTO – Nuovi particolari sul sequestro di pesce avariato

  • 29 Dicembre 2019 in 13:24
    Permalink

    il nome di questa azienda devo proteggere la mia attività

  • 31 Dicembre 2019 in 10:38
    Permalink

    per quello che mi hanno detto e un commerciante di Grotte .. però ha il magazzino a Racalmuto ..
    cosi mi hanno detto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.