RACALMUTO – Omaggio a Gesualdo Bufalino: evento della Casa Sciascia

Il 23 giugno evento di “Casa Sciascia” e della “Strada degli scrittori” per ricordare lo scrittore di Comiso nel venticinquesimo della scomparsa. Una mostra di prime edizioni, letture e ricordi nella “Stanza dello scirocco”. Riapre al pubblico, dopo la chiusura dovuta alla pandemia, la casa-museo dove visse Leonardo Sciascia.

Riapre al pubblico, dopo i mesi di chiusura dovuti alla pandemia, la casa-museo “Sciascia” di Racalmuto. E riapre, sempre con l’osservazione delle misure anticovid, con un’iniziativa dedicata allo scrittore Gesualdo Bufalino scomparso 25 anni fa. Un omaggio allo scrittore comisano che è stato molto legato, attraverso l’amicizia con Leonardo Sciascia, con Racalmuto. 
Mercoledì 23 giugno, nel cortile Todaro – dove è aperta la “Stanza dello scirocco”, la grande sala eventi dell’associazione “CasaSciascia” – sarà ricordato Bufalino con Felice Cavallaro, giornalista e scrittore, direttore della “Strada degli scrittori” e Giovanni Iemulo, direttore del Fondo Bufalino dell’omonima Fondazione di Comiso, profondo conoscitore dell’opera di Bufalino. Nel corso della manifestazione, che avrà inizio alle ore 19 (dopo la visita guidata a Casa Sciascia, la casa delle zie dove visse lo scrittore racalmutese fino alla fine degli anni Cinquanta), saranno letti stralci di alcuni scritti di Bufalino dedicati a Sciascia e a Racalmuto, con gli interventi artistici di Salvatore Nocera Bracco e le letture di Calogero Esposto, Marianna Giancani, Gigi Restivo e Giovanni Salvo. 
Sarà inoltre inaugurata la mostra bibliografica “Che mastro, questo don Gesualdo“, che ripercorre l’attività editoriale di Gesualdo Bufalino che arrivò al successo a sessant’anni, grazie a Sciascia e a Elvira Sellerio, con “Diceria dell’untore”.
Sarà Pippo Di Falco, il mecenate che ha acquistato e aperto al pubblico la casa di Racalmuto dove ha vissuto Sciascia, ha introdurre l’omaggio a Bufalino. Interverrà anche il sindaco di Racalmuto e presidente della Fondazione Sciascia Vincenzo Maniglia.
L’iniziativa è organizzata dall’associazione “CasaSciascia” e dalla “Strada degli scrittori” in colaborazione con la Consulta giovanile di Racalmuto.
All’interno della “Stanza dello scirocco” è sempre visitabile la mostra fotografica “Leonardo da Regalpetra” di Pietro Tulumello, curata da Salvatore Picone e Gigi Restivo, che ripercorre momenti di vita di Sciascia nella sua Regalpetra.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.