RACALMUTO – Vicina la stabilizzazione dei Precari a 24 ore

Passo avanti, per la stabilizzazione dei precari, nei Comuni in riequilibrio finanziario. E fra questi, quello di Racalmuto. La prima commissione Affari istituzionali all’Ars ha approvato un emendamento che prevede la proroga dei contratti ad almeno a 24 ore lavorative, mettendo i relativi costi a totale carico della Regione Siciliana.

Ed a Racalmuto si è tirato, di fatto, un sospiro di sollievo. “L’emendamento fa giustizia della disparità di trattamento che si era venuta a determinare tra i Comuni in dissesto, per i quali la spesa del personale precario è tutta a carico della Regione, e i Comuni in predissesto, costretti a ridurre il monte ore per risanare i bilanci – ha dichiarato il sindaco Emilio Messana – . Il Comune di Racalmuto ha dovuto in questi anni ridimensionare i rapporti con il personale a tempo determinato – continua, spiegando, il primo cittadino – per ottemperare alla misura del piano di riequilibrio che imponeva di non spendere un euro delle risorse comunali per le proroghe. Con il personale a tempo determinato a 24 ore e non più a 18 o a 20 o a 16 ore, come è stato in questi anni di riequilibrio finanziario, ci sarà maggiore certezza e stabilità per i nostri lavoratori, per i nostri uffici, per i nostri servizi”.

I consiglieri del gruppo “Racalmuto prima di tutto”  hanno preso contatti con il Presidente della I Commissione “Affari Istituzionali” dell’Assemblea Regionale Siciliana, On. Salvatore Cascio, e con soddisfazione hanno appreso che in commissione è stato approvato l’emendamento alla legge sulla proroga dei lavoratori precari, concordato con l’Assessore Regionale alle Autonomie Locali Luisa Lantieri, che prevede il rinnovo dei contratti per un minimo di 24 ore settimanali; ora dovrà essere esaminato  dalla II commissione “Bilancio”, per la copertura finanziaria.

I consiglieri hanno concordato con l’On. Cascio di seguire personalmente l’emendamento, affinchè riceva il via dalla commissione Bilancio ed, infine,possa arrivare all’Assemblea Regionale per l’approvazione.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.