RACALMUTO – Votazione piano Aro, la minoranza abbandona l’aula

Ieri il consiglio comunale era chiamato a votare il Piano Aro rifiuti con i relativi capitoli che coinvolge il futuro della gestione dei rifiuti e quindi dei cittadini di Racalmuto, nei prossimi sete anni.

La posizione dei consiglieri di opposizione è stata come sempre chiara, coerente ed oggettiva.

Il piano è stato formulato durante la gestione commissariale e prevede alcune carenze ed errori evidenziati fin dal mese di luglio 2014 dai consiglieri di minoranza e rilanciate in ogni occasione utile.

Stimoli consegnati a favore dell’amministrazione e della maggioranza consiliare, andati sempre a vuoto e mai accolti. Le prove sono contenute nei verbali delle commissioni e dei consigli comunali.

Ci ha veramente sorpreso e lasciati basiti, come i membri dell’attuale maggioranza, che su questo Piano Aro hanno proclamato benefici a cascata per i cittadini durante la campagna elettorale, fino a farlo diventare Leva elettoralistica, oggi lo bocciano miseramente, affidandosi ad ipotesi alternative che non hanno alcuna consistenza.

Abbiamo sentito infattiproproste prive di adeguato piano di costi e ricavi, senza aver verificato la sostenibilità del servizio, senza aver preventivamente verificato la possibilità di accesso ai finanziamenti necessari per l’acquisto delle atrezzature, senza aver valutato i costi per oneri finanziari e personale dipendente e, soprattutto ( senza aver verificato ild estino dei dipendenti attualmente impiegati presso le società private per conto del comune):

Sterili proposte lanciate dopo un anno dall’insediamento e senza nemmeno troppa convinzione. Sono circolati numeri che sembravano più da terno al lotto che frutto di una seria programmazione e studio.

Per questo la posizione della minoranza è stata netta fino ad abbandonare l’aula per non risultare coinvolti nella diatriba tra Sindaco e la sua maggioranza, e in qualcosa di cui non si consoce previsione di esito.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.