RAID PUNITIVO – San Cono, “Siamo le vittime, non gli aggressori”

“Sì siamo noi nel filmato, ma noi siamo le vittime, non gli aggressori. Le mazze le avevano in mano loro, noi gliele abbiamo tolte”: Antonino Spitale, di 18 anni, e i fratelli Giacomo e Davide Severo, di 32 e 23 anni, hanno raccontato al gip di Caltagirone la loro versione nell’udienza di convalida del loro fermo. I tre sono accusati del pestaggio di tre minorenni egiziani, uno dei quali è in coma.

A ricostruire la vicenda di San Michele di Ganzaria è stato il loro legale. “All’uscita di San Cono – riferisce il penalista – 7-8 extracomunitari hanno aggredito per futili motivi il 18enne. I due fratelli Severo stavano passando e sono intervenuti per difendere l’amico. Uno dei due, che in auto aveva una pistola per giocare a softair l’ha impugnata per farli fermare. Hanno tolto loro le mazze da baseball, ma quelli che erano rimasti erano in possesso di colli di bottiglie e pietre e li hanno aggrediti, e loro si sono difesi. Sono loro le vittime”.

Secondo i tre italiani “non ci sarebbe alcun pregresso” tra loro e gli egiziani. “Sulla stampa – osserva il penalista – abbiamo letto di incidenti stradali, pallonate, cinghiate. Sono tutte cose fuori dalla realtà. Non c’è stata alcuna premeditazione, perché non ci sono precedenti, ma soltanto un fatto congiunturale”.

“Due dei miei assistiti che come ogni sabato e domenica si recavano in paese a comprare i dolci – ha aggiunto l’avvocato Marino – sono intervenuti per difendere il terzo indagato, il più giovane, proprio durante un’aggressione da parte degli egiziani. In pratica si sono solo difesi, non c’e’ stata alcuna imboscata. In questi giorni sono state scritte tante fesserie, ma ogni episodio che compone questa storia sarà chiarito in sede processuale”.

Il giudice delle indagini preliminari si è riservato di decidere sulla convalida del fermo eseguito dai carabinieri per tentativo di omicidio e lesioni e sulla richiesta della Procura di Caltagirone di emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.