Rapine in banca a Palma e Racalmuto, arrestato palermitano

E’ stato arrestato l’autore della rapina alla Banca Popolare di Racalmuto, eseguita nel febbraio del 2013, colpo che fruttò 70 mila euro in contanti. Si tratta del palermitano, Castrenze Abbate di 59 anni. Ad “incastrare” – secondo l’accusa – Castrenze Abbate sarebbe stato il fatto che in entrambe le rapine messe a segno, sia in quella di Racalmuto che nell’altra a Palma di Montechiaro, l’anno prima, avrebbe agito a volto scoperto. Uno dei dipendenti delle banche colpite, rivedendo le foto lo ha riconosciuto senza alcun margine di dubbio. Importanti, ma non determinanti, anche le immagini estrapolate dalle telecamere di video sorveglianza dei due istituti di credito. La rapina alla Banca Popolare del Mezzogiorno, a Palma, nel settembre del 2012, fruttò 132.640 euro. I cassieri, allora vennero minacciati con un coltello. Modalità simili vennero adottate anche a Racalmuto. Il 59 enne, accusato di questi due colpi, in concorso con almeno altre due persone. Per un trentenne palermitano è stata .rigettata la richiesta di misura cautelare della custodia in carcere.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.