RAVANUSA – Esplosione, il Governatore Musumeci chiede l’emergenza nazionale

Il governo Musumeci ha dichiarato lo stato di crisi e di emergenza regionale e richiesto lo stato di emergenza nazionale per Ravanusa, la città dell’Agrigentino dove l’11 dicembre una fuga di gas ha provocato una violenta esplosione che ha causato 9 vittime e distrutto diversi edifici. La decisione è stata presa alla luce della relazione della Protezione civile regionale, guidata da Salvo Cocina, che ha descritto le attività di emergenza poste in essere e quelle di ricognizione dei danni.

Con la collaborazione dell’amministrazione comunale, è stato accertato che sono attualmente sfollati 61 nuclei familiari, per complessive 120 persone. Il numero dei fabbricati danneggiati dall’esplosione, inoltre, è notevolmente superiore alle famiglie sfollate. Sono stati 114 i sopralluoghi effettuati nei giorni successivi alla catastrofe dalle squadre di tecnici della Protezione civile.

«Ravanusa – ha detto Musumeci – rimane una ferita aperta: è una tragedia che pesa su tutta la comunità siciliana, in termini di tristezza, rabbia e amarezza. C’è già una norma all’Ars per un milione di euro per affrontare l’emergenza, ma il governo regionale, con la Protezione civile, sta già completando la ricognizione e saranno necessari tra gli 11 e 18 milioni di euro per dare risposte a chi direttamente o indirettamente è stato colpito da questa immane tragedia. Pensiamo nelle prossime settimane di potere avviare l’iter procedurale».

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.