REALMONTE – Scala dei Turchi, villette sequestrate e 12 indagati

Il procuratore aggiunto di Agrigento, Ignazio Fonzo, e la sostituto Antonella Pandolfi, hanno firmato, e il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale, Stefano Zammuto, ha controfirmato. E Polizia giudiziaria e Guardia Forestale hanno sequestrato a Realmonte il Borgo Scala dei Turchi. Tecnicamente è un sequestro cautelativo, a cautela affinché terreno e costruzioni, presunte corpo del reato, siano conservate come prova e non invece alterate o distrutte. E il dottor Calogero Cracò è stato nominato custode – amministratore di ciò che è stato sequestrato. A carico di 12 persone, iscritte nel registro degli indagati, i magistrati contestano, a vario titolo, i reati di lottizzazione abusiva, abuso edilizio, abuso d’ufficio, e falsa perizia. Si tratta dei responsabili della società titolare del progetto, la siracusana Comaer, poi dirigenti della Soprintendenza ai beni culturali di Agrigento, poi liberi professionisti, e poi amministratori e tecnici comunali di Realmonte che è il Comune che, insieme alla Soprintendenza di Agrigento, prima ha autorizzato le opere e poi ha revocato l’autorizzazione. Tra i responsabili della Comaer gli indagati sono Gaetano Caristia, 69 anni, e Sebastiano Comparato, 80 anni. Poi, tra gli amministratori e tecnici comunali di Realmonte : Giuseppe Farruggia, 61 anni, ex sindaco, Giuseppe Vella, 55 anni, a capo del settore Urbanistica ed edilizia, Cristoforo Giuseppe Sorrentino, 51 anni, funzionario dell’ Ufficio tecnico comunale e responsabile del procedimento della lottizzazione Comaer, e poi Giovanni Francesco Barraco, 54 anni, Giovanni Farruggia, 58 anni, e Daniele Manfredi, 54 anni, direttori dei lavori della lottizzazione Comaer. E poi, tra i dirigenti della Soprintendenza di Agrigento gli indagati sono Antonino Terrana, 57 anni, Vincenzo Caruso, 59 anni, Agostino Friscia, 62 anni, e Vincenzo Carbone, 62 anni. Secondo la Procura di Agrigento il progetto di costruzione del Borgo Scala dei Turchi è stato adottato non legittimamente, e sono quindi illegittime le concessioni edilizie successive. La trasformazione del terreno, gravato da vincoli paesaggistici e archeologici, è stata eseguita in mancanza di titolo abilitativo. E la Procura ravvisa anche la collusione tra i funzionari pubblici, che sono amministratori e tecnici di Realmonte e dirigenti della Soprintendenza di Agrigento, e i privati lottizzatori. E l’anello di congiunzione sarebbe stato l’ex sindaco di Realmonte, Giuseppe Farruggia, che è stato, al tempo stesso, sindaco e progettista. Ecco perché i magistrati escludono eventuali giustificazioni di buonafede. Il Borgo Scala dei Turchi a Realmonte è stato trasferito al palazzo di giustizia ad Agrigento, in via Mazzini.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.