REGIONALI 2022 – Sondaggio Ipsos: De Luca insidia Schifani

Prosegue con determinazione la campagna elettorale per i vari partiti in vista delle elezioni politiche e per le regionali in Sicilia del prossimo 25 settembre.

Sull’Isola è battaglia tra Renato Schifani, Cateno De Luca e Caterina Chinnici per determinare il successore di Nello Musumeci alla guida della Regione. Interessanti i dati emersi dal sondaggio Ipsos per il Corriere della Sera, dove si evince un Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e attuale presidente del consiglio comunale, vicinissimo a Renato Schifani del Centro/Destra, staccata Caterina Chinnici del Pd e Nuccio Di Paola del Movimento 5 Stelle.

Sulla base dei dati emersi nel sondaggio odierno rimane il dubbio che se il Pd e i 5 Stelle avessero evitato la rottura avrebbero potuto esprimere il presidente della Regione. Nei pronostici degli elettori De Luca sembra essere favorito (dal 22% degli elettori) su Schifani (18%) e Chinnici (8%), mentre solo chance marginali vengono attribuite a Di Paola (ma 1 elettore su 2 ancora non si sbilancia). In questo inedito intreccio tra voto nazionale e voto regionale, non resta che attendere per vedere se prevarranno gli orientamenti di voto o i pronostici dei siciliani. Infine, anche in Sicilia il cosiddetto terzo polo presenta la sua candidatura in autonomia, sostenendo l’attuale vicepresidente della Regione Gaetano Armao.

Sul proprio profilo facebook, Cateno De Luca, commenta: “siamo secondi terzi quarti o primi ? Chi ne capisce è bravo. Oggi il Corriere della Sera ha sentenziato che siamo secondi con la possibilità di arrivare primi in largo anticipo rispetto al 25 di settembre. Sempre il Corsera sostiene che noi siamo il primo partito in Sicilia. Io comunque non mi baso mai sui sondaggi. Il mio sondaggio sono le piazze piene e l’entusiasmo e la fiducia che la gente ci manifesta ogni giorno di più. Andiamo avanti senza se e senza ma” , conclude.

Nel voto per le liste (è possibile il voto disgiunto) la lista «De Luca sindaco di Sicilia» è prima, avanti di un’incollatura al M5S (rispettivamente 18,7% e 18,4% dei voti validi). In corsa per il terzo/quarto posto Fratelli d’Italia (15,6%) e Pd (15,5%). Il centrodestra è complessivamente avanti, con il 33,6%, alla coalizione di De Luca (23,7%), al M5S (18,4%) e al centrosinistra (17,3%). Più staccata la lista di Azione e Italia viva a sostegno di Armao (4,7%).

La partita sembra quindi aperta a più esiti possibili.

FOTO FATTI E AVVENIMENTI

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.