REGIONE – Lascia anche Pier Carmelo Russo

“Mi dimetterò il 28 luglio, se non prima. Potrei farlo anche domani”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, conversando con i cronisti a Palazzo d’Orleans. “Vogliono andare a votare a Ferragosto, il 15 settembre? Me lo dicano – ha affermato Lombardo – C’era una intesa per votare a fine ottobre in modo da predisporre le liste. Ma io sono disponibile a dimettermi anche domani”.

“Sulle nomine di sottogoverno è stata montata una polemica che si basa su falsità. Non abbiamo nominato i Cda di Irfis, della Serit, della Crias. All’Esa c’è un commissario, all’Irsap non sono state fatte nomine. Anch’io come ha fatto Orlando chiederò i curricula per le migliori professionalità”.

“I partiti prendono ordini da Roma, per cui non è possibile in questa fase fare previsioni sulle future coalizioni per le regionali. Di certo, il Nuovo polo per la Sicilia (Mpa, Mps, Fli e Api) sarà determinante e alla fine gli altri dovranno farne conto, perché si pone al centro ma come forza riformista e autonomista”.

“Cracolici vuol presentare la mozione di sfiducia? Liberissimo di farlo. Il punto è che la situazione è cambiata rispetto a qualche tempo fa: il segretario del Pd, Lupo, non è stato sfiduciato ed è rimasto e a Palermo ha vinto Leoluca Orlando”. Il capogruppo del Pd all’Ars Antonello Cracolici ha convocato il gruppo domani per valutare la situazione politica, ipotizzando anche la presentazione di una mozione di sfiducia a Lombardo.

“Se si dovessero dimettere altri assessori, e non me lo auguro, nominerò dei tecnici per sostituirli. Aricò e Spampinato hanno preso il posto di due assessori ‘politici’, Di Betta in stretto contatto con Fini e Piraino dell’Udc”. Il governatore ha parlato di esperti nel settore della Pubblica istruzione e delle Infrastrutture, facendo pensare a un imminente passo indietro di Mario Centorrino e Pier Carmelo Russo. Proprio quest’ultimo, titolare alle Infrastrutture e alla mobilità ha lasciato la carica. Al suo posto è stato subito nominato Andrea Vecchio, ex presidente di Ance Catania.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.