RIBERA – L’accoltellatore in lacrime chiede perdono e rimane in carcere

E’ stato interrogato nel carcere di Sciacca Gianfranco Termine, il 23enne di Ribera che venerdi mattina ha accoltellato la sua ex fidanzata. Davanti al Gip si è lasciato andare alla disperazione e ha ripetutamente chiesto perdono in lacrime. Lo stesso giudice si pronuncerà entro oggi sulla convalida dell’arresto per il giovane, anche se la custodia in carcere sembra scontata.

La ragazza, 17 anni di Calamonaci,  rimane ricoverata a Palermo: dopo essere stata sottoposta a un intervento chirurgico a Ribera è stata trasportata all’Ismett, le sue condizioni sarebbero stazionarie ma non è in pericolo di vita, attualmente è tenuta in coma farmacologico.  Nonostante le gravi lesioni riportate dai 20 fendenti subiti di un acuminato coltello la ragazza si salverà.

Il legale dell’indagato, l’avvocato Francesco Conti, chiederà la perizia medica per accertare soprattutto le condizioni psichiche del suo assistito che è detenuto nel carcere di Sciacca.

ULTIM’ORA- Resta in carcere Gianfranco Termine.Così ha decido il Gip del Tribunale di Sciacca, Roberta Nodari,che ha convalidato l’arresto del giovane, e poi ha disposto la custodia cautelare in carcere. A quanto pare la difesa sosterebbe che la relazione tra i due giovani sarebbe continuata e questo sulla base di messaggi telefonici.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.