RIBERA – Mafia, confiscati beni per 800 mila euro a boss Capizzi [VIDEO]

Ventiquattro anni fa, il 4 aprile ’92, uccise il maresciallo dei carabinieri Giuliano Guazzelli e oggi la Dia ha confiscato a Simone “Peppe” Capizzi, 73 anni, in carcere dall’ottobre ’93, dieci terreni e tre immobili del valore di 800 mila euro intestati a lui e al figlio Giuseppe, 50 anni, anche lui detenuto. I provvedimenti, emessi dalla prima sezione penale del tribunale di Agrigento, seguono le indagini economico-patrimoniali delegate alla Dia dalla Dda di Palermo dal procuratore aggiunto Bernardo Petralia.

L’ascesa mafiosa di Capizzi senior coincide con l’uccisione del boss del suo paese, Ribera (Agrigento), Carmelo Colletti, avvenuta nel luglio 1983. Fu allora che scalò i vertici su ordine di Salvatore Riina e dei rappresentanti degli altri mandamenti mafiosi della provincia di Agrigento. Il figlio Giuseppe è stato arrestato nel luglio 2006, su richiesta della Dda di Palermo, poiché indagato, in concorso con altri, per associazione mafiosa e condannato prima a 8 anni dalla Corte d’appello e poi a dieci, dalla stessa corte, per estorsione aggravata dall’aver favorito la mafia. Ritenuto organico a Cosa nostra di Ribera con un ruolo di indubbio spessore, comprovato tra l’altro dagli stretti rapporti intrattenuti con l’ex latitante Giuseppe Falsone, già rappresentate provinciale di Cosa nostra.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.