RIBERA – Promettevano assunzioni alle Poste in cambio di 20mila euro: tre arresti

Facevano credere di poter fare assumere alle Poste Italiane, in cambio di un corrispettivo di 20 mila euro. Un riberese, già dipendente delle Poste attualmente sospeso, la moglie, anche lei del posto, residenti a Caltabellotta, e una cittadina di origine polacche, sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Sciacca, unitamente al personale dell’Arma, della Guardia di finanza e della polizia di Stato della sezione di Polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Sciacca, con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alle truffe. L’uomo è finito in carcere, mentre le due donne poste ai domiciliari.

I particolari dell’operazione sono stati resi noti nel corso di una conferenza stampa, che si è tenuta nei locali del Comando provinciale Carabinieri di Agrigento, alla presenza del tenente colonnello Roberto Vergato, comandante della Compagnia di Sciacca. Le indagini sono durate dallo scorso ottobre fino a questo mese. Sei le vittime accertate, tutte del palermitano, che avevano già versato complessivamente 45mila euro. I tre indagati avrebbero approfittato del loro stato di necessità, essendo tutti alla disperata ricerca di un lavoro. Nel corso del blitz di questa mattina sono stati anche sequestrati dei falsi contratti di assunzione alle Poste, che erano tenuti all’interno di cartelline, con una denominazione sindacale.

Le vittime avevano versato tranche di 2 mila, ma anche di 5 mila euro, quale acconto per l’assunzione. “Abbiamo sequestrate anche delle carte PostaPay – sottolinea il ten. col. Roberto Vergato – . I soldi venivano trasferiti all’Estero. Le donne fungevano da impiegate amministrative all’interno di questo che sembrava un ufficio di rappresentanza. Gli episodi focalizzati sono fra ottobre e dicembre 2020. Quindi hanno truffato 6 persone, per 45 mila euro, in 3 mesi. Questo significa che l’organizzazione era molto capace, ed organizzata”.

Condividi
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    8
    Shares
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.