RIESI – Imbocca la strada del riciclo “Garantito”

Gero e Valerio La Rocca, i giovani imprenditori alla guida della Ecoface, sono già al lavoro da qualche giorno  per valorizzare la raccolta differenziata di Riesi. Da qualche settimana, infatti, l’amministrazione comunale ha scelto la nuova piattaforma in attività alla zona industriale di Ravanusa, per puntare senza indugio alla massima fascia qualitativa del materiale in plastica.

L’impianto della Ecoface è costituito da due diverse linee di selezione automatiche che, integrate dal lavoro di operatori specializzati, sono in grado di separare bottiglie e flaconi dal resto della plastica. Queste due categorie merceologiche godono infatti di corrispettivi da parte del Corepla molto vantaggiosi, ma per ottenerli è necessario effettuare una minuziosa opera di pulizia in impianto.

Siamo davvero orgogliosi di servire la popolazione di Riesi – dicono Gero e Valerio – apprezziamo tanto il lavoro dell’amministrazione, che ha scelto di percorrere una strada di sostenibilità che darà frutti sicuri. Le famiglie meritano città più pulite, ma soprattutto meritano di essere guidate da una classe dirigente sensibile che persegua il bene comune. A tal proposito, dobbiamo dire che il sindaco Chiantia e l’assessore al ramo Lanza stanno spendendo tante energie e grande attenzione”.

La raccolta differenziata e la corretta selezione dei rifiuti secchi sono i due fattori determinanti che potranno in futuro creare le condizioni per un concreto abbattimento delle bollette. Alla Ecoface si lavora giorno per giorno mantenendo ferma l’idea di base di una cooperazione schietta e onesta tra impianto e pubblica amministrazione, nell’interesse comune di potare a casa risultati concreti. Anche per questo la giovane azienda ha offerto al Comune la disponibilità, a costo zero, di utilizzare la sala multimediale per attività formative e incontri con i ragazzi delle scuole.

I meccanismi dell’impianto della Ecoface sono capaci di garantire la massima pulizia dei materiali, se questi infatti non venissero lavorati, potrebbe esserci addirittura il rischio che i carichi vengano respinti per eccessiva “frazione estranea”, perdendo ogni corrispettivo.

Auguriamo a noi stessi di fare sempre del nostro meglio – concludono i fratelli La Rocca – ai cittadini di Riesi di crederci, in fondo si tratta di semplici gesti, di impegnarsi separando con attenzione i vari materiali. Auguriamo all’amministrazione di continuare con questo spirito e, infine, alla Tekra, la società che si occupa della raccolta, un in bocca al lupo affinché tutto proceda per il meglio e si consegua un grande successo”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.