SAMBUCA DI SICILIA – I Carabinieri arrestano sei “tombaroli” catanesi

Armati di pale, picconi e torce, si aggiravano di notte a “caccia” di reperti archeologici. Nel mirino dei carabinieri della Stazione di Sambuca di Sicilia sono finiti sei “tombaroli”, tutti originari di Paternò, nel Catanese, scoperti, nella notte tra giovedì e venerdì, a rubare reperti nel sito archeologico di monte Adranone.

Con l’accusa di tentato furto di materiale archeologico e danneggiamento su sito archeologico sono stati arrestati: Salvatore Di Stefano, 55 anni; Vincenzo Longo, 45 anni; Vincenzo Antonino Sinatra, 43 anni; Salvatore Anicito, 40 anni; Vito Stancanelli, 43 anni e Filippo Germanà, 43 anni.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.