SAN LEONE – Furto in villa , recuperata “refurtiva”: 2 agenti feriti [VD TG]


Sono stati trovati con le mani nel sacco: già dentro la villetta che avrebbero dovuto razziare. Due uomini – Fabrizio Rizzo, 27 anni, di Agrigento e Roberto Jovine, 53 anni, originario di Napoli ma ufficialmente residente a Montecatini Terme, – sono stati arrestati in flagranza di reato. I due si erano già intrufolati nella villa presa di mira: in via Degli Ippocastagni a San Leone.

A bloccarli e arrestarli sono stati i poliziotti del commissariato “Frontiera” di Porto Empedocle e quelli della Squadra Mobile della Questura di Agrigento.

E’ accaduto tutto durante la serata di ieri, nel rione balneare di Agrigento.

Il sostituto procuratore Chiara Bisso ha disposto, in attesa della convalida, gli arresti domiciliari a carico di entrambi gli indagati. Sia Rizzo che Jovine – indagati per tentato furto – hanno nominato quale loro difensore di fiducia l’avvocato Daniele Re.

In sede di sopralluogo effettuato all’interno della villa ove è avvenuto l’arresto. gli agenti hanno rinvenuto. occultati in prossimità di una siepe uno strumento atto allo scasso (“piede di porco”) ed un flex. In sede di perquisizione domiciliare effettuata presso l’abitazione di uno dei due arrestati veniva rinvenuto un consistente quantitativo di oggetti in oro, monili, orologi di valore ed altra refurtiva, verosimilmente riconducibili a precedenti azioni criminose poste in essere nei giorni scorsi che verranno poste in visione ai cittadini che hanno subito furti e procedere in caso di riconoscimento alla restituzione agli aventi diritto. Pertanto. veniva contestato, altresì il reato di ricettazione.

L’operazione si inserisce in un accorto e prolungato progetto che costituisce la sintesi di una fruttuosa azione combinata di prevenzione ed investigativa, accompagnata da un’approfondita analisi di un fenomeno che negli ultimi mesi ha assunto connotazioni preoccupanti atteso il continuo susseguirsi di numerosi episodi di furto registratisi nella frazione balneare sanleonina.

Nel corso dell’intervento che ha portato all’arresto dei due uomini, due agenti hanno fatto ricorso alle cure dci sanitari dell’ospedale “San Giovanni  di  Dio” per avere riportato uno  un  violento trauma distorsivo alla caviglia e l’altro una ferita alla gamba che ha richiesto l’applicazione da parte dei medici del Pronto soccorso di 5 punti di sutura. Per entrambi i poliziotti la prognosi è di dieci giorni.

L’azione anticrimine della Questura su San Leone e sulle altre  frazioni non è conclusa. Il questore di Agrigento, Maurizio Auriemma, durante la festa della polizia – tenutasi lo scorso 10 aprile a villa Bonfiglio – aveva garantito: “Li stiamo prendendo e li prenderemo”. E sono stati presi.

I particolari che ha portato all’arresto dei due sono stati illustrati , questa mattina, nei locali della Questura ad Agrigento. Dal Vice Questore, Cesare Castelli e dal commissario Capo, Giovanni Franco.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.