SAN LEONE – Incendio distrugge lo stabilimento Marakajbo [FOTO][VIDEO]

Inferno di fiamme e fumo, ieri sera, al viale Delle Dune a San Leone. A bruciare: il ristorante, pizzeria, wine bar “Marakajbo”, situato nella parte iniziale del viale che costeggia l’arenile. Dello stabilimento balneare, molto gettonato in estate, nonostante l’intervento di tre squadre dei vigili del fuoco, non s’è salvato nulla. Il rogo, gigantesco, ha inghiottito – e ridotto in cenere – l’intera struttura in legno, sviluppando fiamme alte diversi metri che hanno allarmato i residenti del quartiere balneare. Sono stati proprio loro a chiamare la centrale operativa dei vigili del fuoco a Villaseta. L’odore di bruciato ha ben presto invaso l’intero quartiere, mentre il fuoco – trovando “terreno fertile” nel legno – ha devastato ogni cosa.
I pompieri hanno faticato per ore ed ore prima di riuscire ad avere la meglio sull’incendio, mettendo poi in sicurezza l’intera area.

Tutto è accaduto intorno alle ore 21, di ieri sera. Ancora da accertare l’origine del rogo , anche se viene privilegiata la natura dolosa. Terminata l’opera di spegnimento gli agenti assieme ai tecnici dei vigili del fuoco hanno effettuato nella zona un sopralluogo, alla ricerca di tracce o altri elementi utili a stabilire la causa  che ha scatenato il rogo. Sono state svuotate ben 3 autobotti dei Vigili del Fuoco di Agrigento per domare le  fiamme. Le fiamme sono state favorite e alimentate dal legno della struttura.  Non è la prima volta che uno stabilimento prende fuoco. Il 19 ottobre 2012 a San Leone le fiamme hanno bruciato il Mariace. Il 22 luglio 2012 e il 3 dicembre 2011 il Baraonda. L’ 11 marzo 2010 il Papete Beach. Il 3 maggio 2008 l’ Hmora, ed il 14 aprile 2008 l’ Holiday Park. Del chiosco non resta che un cumulo di tizzoni fumanti. Si attende adesso l’esito delle prime indagini per comprendere cosa sia successo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.