SAN LEONE – Mareamico ha chiesto agli Organi Competenti di accertare e scoprire cosa sta succedendo al mare

Ad Agrigento, a San Leone, in mare, è comparsa ieri mattina, intorno alle ore 10:30, una chiazza rossastra in acqua, a pochi metri dalla riva. Ciò ha preoccupato i bagnanti presenti sulla spiaggia. In proposito oggi l’associazione ambientalista MareAmico di Agrigento, coordinata da Claudio Lombardo, ha allarmato tutti gli organi competenti affinchè si provveda a ricercare la causa e l’entità di tale fenomeno. Lo stesso Claudio Lombardo afferma: “La macchia rossa in mare è stata molto evidente soprattutto in località Maddalusa, al confine tra il comune di Agrigento e quello di Porto Empedocle. I bagnanti hanno avvertito fastidi alla pelle con pruriti al corpo ed arrossamenti cutanei. E tali fastidi si sono ripetuti in mattinata in altre spiagge, causando la fuga dei bagnanti”. Il giallo è stato risolto dal comandante della Capitaneria di Porto Empedocle, Filippo Parisi, che spiega: “Sono banchi di piccole meduse, si tratta di un fenomeno naturale, alimentato anche dall’aumento della temperatura dell’acqua. In ogni caso è consigliata la massima prudenza perché al contatto possono risultare altamente orticanti”.

 

 

 

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.