SAN LEONE – Sequestrate le condotte in mare:indagato Giuffrida ex “Ad” di Girgenti Acque

 

Mare San Leone, il gip del Tribunale di Agrigento sequestra le condotte sottomarine

Il gip del Tribunale di Agrigento, Ottavio Mosti, ha disposto il sequestro preventivo delle condotte sottomarine dei “Padri vocazionisti” e dello stabilimento di Ps, a San Leone, e delle relative centraline di sollevamento. Secondo quanto emerso dagli accertamenti svolti dall’Arpa, dall’Asp, dalla Guardia costiera e dai carabinieri, risulterebbe che “la rete fognaria a servizio della zona Sud-Est di Agrigento immette reflui in mare tramite le condotte, i cosiddetti ‘pennelli a mare’, in assenza di autorizzazione allo scarico, essendo scaduto e mai rinnovato il titolo originario”.

Quanto deciso dal giudice scaturirebbe anche dal fatto che a monte delle condutture “non vi è idoneo sistema di depurazione, facendo sì che i reflui confluiscano direttamente in mare”. Ne consegue, secondo l’inchiesta della Procura, il danneggiamento del demanio marino, ossia flora, fauna, causato dall’inquinamento.

Iscritto nel registro degli indagati l’ex amministratore delegato della Girgenti Acque, Giuseppe Giuffrida, che è accusato di danneggiamento, “getto pericoloso di cose”, violazione del codice dei beni culturali perché gli impianti sono in zona A, inadempimenti di pubbliche forniture violazione normativa ambientale. Del provvedimento è stato informato il presidente della Regione, Rosario Crocetta, e il sindaco di Agrigento, Marco Zambuto. Adesso toccherà a loro decidere se istituire o meno il divieto di balneazione nelle aree interessate dagli scarichi.

La Procura aveva chiesto il sequestro preventivo dei “200 metri a destra e a sinistra di entrambe le condotte, con relativo divieto di accesso e di balneazione, con contestuale nomina di custode nella persona del sindaco pro tempore di Agrigento”, ma il gip Ottavio Mosti non ha accolto la richiesta. Sottolineata, però, “l’opportunità di nuovi accertamenti investigativi in merito alla configurabilità di rischi concreti per la salute umana ed alla specifica distribuzione di tale rischi nell’area interessata”.

La Procura di Agrigento presenterà ricorso al tribunale del Riesame per chiedere che venga emesso il provvedimento di sequestro della spiaggia .

 

 


 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.