SAN LEONE – Video denuncia sull’insabbiamento del porticciolo [VIDEO]

Il porticciolo turistico di San leone si sta inesorabilmente insabbiando. L’entrata è fortemente ristretta ed ormai è limitata ad un piccolo canale che deve essere percorso in entrambe le direzioni. A seguito anche delle proteste della stessa associazione Mare Amico,le scorse settimane, la Capitaneria di porto di Porto Empedocle ha disposto degli accertamenti batimetrici – effettuati dai volontari della Lega navale di Agrigento – che hanno certificato il grave stato di salute dell’entrata del porto e della zona estrema del molo di ponente (dove si è formata una spiaggetta) ed hanno obbligato i militari a redigere un’ordinanza che interdice alla navigazione un intero tratto per la presenza di fondali inferiori a due metri di profondità. Ora si deve provvedere al più presto all’effettuazione del dragaggio dell’area interessata all’insabbiamento, ma immediatamente, si deve realizzare un corridoio di boe (luminose per la navigazione notturna) per delimitare l’area dove risulta sicura la navigazione. Già sono successi diversi incidenti che hanno coinvolto imbarcazioni in transito, che sconoscendo la situazione pericolosa, vanno ad incagliarsi nei bassi fondali (l’ultimo incidente è dello scorso week end). Ecco, le immagini video, realizzate in collaborazione della società Dronedary di Massimo Alaimo, fa vedere dall’alto com’è realmente la situazione: Il mezzo aereo del terzo millennio, senza il pilota, ha registrato le immagini che testimoniano come e quanto il fondale di sabbia africana si sia innalzato. Ma oggi è già il 5 di luglio e le spiagge sono quelle che sono come denunciato da Calogero Firetto, in questi giorni, serve una pulizia straordinaria, ma forse, per questa stagione estiva è già troppo tardi.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.