SANTA CROCE CAMERINA – Morte Loris, perquisizione in casa

Nel pomeriggio polizia e carabinieri sono entrati nell’abitazione dei genitori di Loris Stival. Tra loro il capo della squadra mobile Nino Ciavola e il capitano dei carabinieri Domenico Spadaro. Sarebbe in corso una perquisizione autorizzata dalla procura di Ragusa.

Anche la polizia scientifica è arrivata nella casa dei genitori di Loris Stival per compiere una perquisizione. Secondo quanto si è appreso l’atto, disposto dalla procura di Ragusa, serve a riscontrare alcune incongruenze che sarebbero emerse nelle dichiarazioni della madre. Veronica Panarello, non è al momento iscritta nel registro degli indagati.

Andrea Loris potrebbe essere stato ucciso ucciso nella sua stessa casa. Ma da chi? Questo l´ultimo tassello ancora da sistemare. Si sta utilizzando il luminol per cercare eventuali tracce di sangue di Andrea in casa.

Le forze dell´ordine hanno prelevato dall´abitazione e portato via il fratellino di 4 anni di Andrea Loris, per preservarlo dalla confusione e farlo stare tranquillo.

Perché allora la madre di Loris continua a ripetere che l’ha accompagnato a scuola mentre il filmato la smentisce clamorosamente? Quel che è certo è che Loris, quella stessa mattina, intorno alle 9.30, viene ucciso (lo ha stabilito l’autopsia) e il suo corpo ritrovato nel pomeriggio sul canalone del Vecchio Mulino dal “cacciatore” Orazio Fidone, che era andato quasi a colpo sicuro a cercarlo in quel posto isolato a quattro chilometri dal paese. L’uomo oggi rivela di avere un alibi verificabile: “Sì, ho un alibi, ed è anche facilmente verificabile: sabato mattina non ero a Santa Croce Camerina. Basterebbe verificare ed è facilmente verificabile”. Secondo il ‘cacciatore’ la mattina della scomparsa di Loris, lui sarebbe andato al mercatino di Vittoria: “Basterebbe – sostiene – controllare i filmati delle telecamere in uscita da Santa Croce Camerina e all’entrata di Vittoria”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.