Sbarco nell’Agrigentino: cadavere in spiaggia

Il cadavere di un giovane migrante, di 30 anni, è stato trovato stamattina sulla spiaggia Pisciotto di Licata (Ag). Era a bordo di un barcone con decine di extracomunitari giunto sulle coste siciliane. Una prima ispezione cadaverica confermerebbe il decesso per annegamento.

I circa 80 extracomunitari che erano sul barcone sarebbero stati lasciati in nottata sotto costa dagli scafisti che hanno poi ripreso il largo. Tutti sarebbero riusciti a raggiungere la riva a nuoto. Venti i profughi già intercettati dalla polizia che hanno riferito i dettagli dello sbarco. Sono in corso battute nella zona per rintracciare gli altri fuggitivi.

Lo sbarco avvenuto stanotte sulle coste di Licata è il secondo nel giro di tre giorni nell’Agrigentino. Il 25 aprile, 30 magrebini sono approdati a bordo di un peschereccio che si è arenato sulla spiaggia di Castellaccio, a Palma di Montechiaro. Fra i venti migranti bloccati stanotte, a Licata, ci sono anche otto minori che hanno detto di essere egiziani.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.