SCIACCA – Amato resta in carcere

Il 53enne saccense Accursio Amato, resta in carcere. Lo ha deciso il Gip del Tribunale di Sciacca, Roberta Nodari, che ha rigettato la richiesta presentata dal legale difensore di Amato, di una misura meno afflittiva, i domiciliari nell’abitazione dei suoi genitori.
Amato è accusato di tentato omicidio nei confronti della moglie.
I due coniugi si stanno separando, con la consensuale, la moglie si è trasferita in Campania, per ragioni di lavoro, sono venute meno le esigenze cautelari, non c’è il pericolo di reiterazione del reato. Questa la tesi portata avanti dall’avvocato Mauro Tirnetta, che assiste Amato, ma il Gip ha rigettato l’istanza.
La Procura della Repubblica aveva dato parere negativo ai domiciliari. Evidentemente, per il giudice Nodari non si sono affievolite le esigenze cautelari, c’è ancora il rischio di reiterazione del reato.
L’indagato è in carcere dal 15 dicembre 2014. E’ accusato di avere colpito la moglie con un taglierino, spedendola in ospedale. L’uomo, secondo quanto ha raccontato nell’udienza di convalida dell’arresto, avrebbe cercato una riconciliazione con la donna, ma la lite sarebbe degenerata.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.