SCIACCA – Inchiesta “Argante”, Giovanni Cocchiara torna in libertà

Giovanni Cocchiara, uno degli indagati nell’ambito dell’inchiesta “Argante”, è tornato in libertà. Il Tribunale del riesame di Palermo, infatti, ha attenuato la misura cautelare disponendo l’obbligo di firma.

E Benedetto Bondì, indagato nella medesima inchiesta, è stato assolto dall’accusa di evasione dagli arresti domiciliari. La difesa, infatti, ha spiegato che Bondì sarebbe uscitodi casa solo per chiedere al vicino una medicina contro il mal di denti.

L’operazione “Argante” aveva permesso di scoprire un’estorsione ai danni di un commerciante di Sciacca, con il conseguente arresto di nove persone.“ 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.