SCIACCA – Morte nella cava: chiesti due rinvii a giudizio

La Procura della Repubblica di Sciacca ha chiesto il rinvio a giudizio di Salvatore Liotta, 45 anni, saccense, e Onofrio Costanza, 73 anni, favarese, per omicidio colposo in relazione alla morte dell’operaio Domenico Fravolini, 61 anni, di Sciacca, il quale – il 6 febbraio dello scorso anno – perse la vita dopo essere precipitato nella vasca di decantazione della calce viva. Liotta è il presidente della cooperativa proprietaria della cava, mentre Costanza è il direttore dei lavori e responsabile del servizio di prevenzione e protezione all’interno della cava di contrada Spagnolo, tra Sciacca e Menfi. L’udienza preliminare è fissata per il prossimo 20 dicembre.  I familiari della vittima si costituiranno parte civile.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.