Sequestro “Scala dei Turchi”, conferenza stampa alla Capitaneria di Porto Empedocle [VD TG]

La Procura della Repubblica di Agrigento ha ordinato il sequestro alla Capitaneria di Porto di Porto Empedocle e l’affidamento alla Regione Sicilia della Scala dei Turchi, uno dei tratti più suggestivi della Sicilia sul litorale agrigentino, caratterizzato da una parete di marna bianca. Il Procuratore capo Luigi Patronaggio ha iscritto anche nel registro degli indagati una persona. Si tratta di Ferdinando Sciabarrà, che sostiene di essere il proprietario della Scala dei Turchi, dando esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di urgenza. L’uomo risulta, infatti, catastalmente proprietario di una grossa parte dell’area battuta dai turisti. Il reato che gli viene contestato dalla magistratura è di occupazione di demanio pubblico.  Anche indagato per danneggiamento al patrimonio archeologico, storico e artistico nazionale “per non avere impedito in qualità di possessore di fatto del sito il danneggiamento e il deterioramento del sito” di Scala dei Turchi. L’indagine della Procura di Agrigento era stata aperta nei mesi scorsi, a carico di ignoti, per inosservanza delle norme a tutela dei beni artistici, culturali ed ambientali sulla situazione nella Scala dei Turchi. Da mesi si registrano cedimenti dal costone di marna bianca. La Capitaneria di porto di Porto Empedocle (Agrigento), che ha ricevuto la delega da parte della Procura, ha sentito in questi mesi decine di persone. Questa mattina tutti i particolari sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa indetta presso gli uffici della Capitaneria di Porto di Porto Empedocle, durante la quale sono state fornite ulteriori delucidazioni relativamente ai presupposti per l’applicazione del sequestro preventivo e ai reati ipotizzati. Il Procuratore della Repubblica, Luigi Patronaggio non ha voluto rilasciare alcuna intervista limitandosi a dire che La Scala dei Turchi deve essere un bene pubblico e non privato”. “Siamo in attesa della convalida da parte del Gip. Saranno effettuate perizie”.

Sentiamo l’intervento del Capitano di Fregata, Gennaro Fusco….

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.