SERIE D – Chiavaro eroe di giornata, finisce 2-2 tra Akragas e Rende

Prima gara del 2015 e prima insidia per l’Akragas, che in un Esseneto che si preannuncia pieno attende la visita del Rende, terza forza del campionato e squadra data in ottime condizioni, e pertanto formazione candidata alla promozione in Lega Pro. 

L’Akragas si laurea campione di inverno solitaria grazie al pareggio ottenuto contro un ottimo Rende che era andato sul 2-0 dopo i primi venti minuti giocati magistralmente in un Esseneto che oggi ha accolto più di duemila tifosi sugli spalti. Tifosi che sono rimasti allo stadio anche dopo il fischio finale per aspettare il risultato finale di Roccella-Torrecuso, finita 3-2 con un gol sul finale dei calabresi. Grazie a questo risultato il pareggio di oggi ha un sapore diverso poiché l’Akragas stacca per la prima volta in campionato il Torrecuso e resta da sola in vetta alla classifica del girone I di Serie D. La partita si mette subito male per i biancazzurri, i calabresi partono meglio e vanno subito in vantaggio con Zangaro prima poi, portando il risultato sul 2-0. La carica per i biancazzurri, molli fino a quel momento, la suona il capitano Agatino Chiavaro che con una splendida punizione da oltre 40 metri trafigge il portiere De Brasi che non può nulla sul tiro del biancazzurro. Il secondo tempo è solo biancazzurro con l’Akragas che ci prova in tutti i modi e il Rende che cerca solo di difendersi, anche con le dure come dimostrano i sei cartellini gialli ottenuti dalla squadra calabrese. Nonostante i numerosi tentativi, i biancazzurri non riescono a raggiungere il pareggio a causa dell’imprecisione degli attaccanti e degli splendidi interventi di De Brasi, il migliore dei suoi. Anche la sfortuna fa la sua parte, materializzandosi nella traversa di Tiscione colpita dopo uno splendido tiro. Feola non vuole perdere la partita e si gioca il tutto per tutto lanciando in campo in pochi minuti Arena, Tresor e Longoni, utilizzando così tutti gli attaccanti a sua disposizione per un’Akragas a trazione anteriore. Quanto tutto sembra perduto il Gigante riesce ad acciuffare il pareggio al minuto 93 grazie ancora al capitano Chiavaro che parte dal centrocampo e va a segnare il gol che fa esplodere l’Esseneto. Le feste natalizie sono durate per l’Akragas venti minuti in più, tempo in cui l’Akragas non è proprio scesa in campo. Dopo il primo tempo però la squadra di Feola ha dimostrato carattere e ha raggiunto il pareggio che le consente di terminare il girone di andata in testa alla classifica. Il modulo offensivo di Feola ha fatto soffrire Dentice e Terminiello che hanno commesso delle leggerezze pagate care. La palma d’oro in difesa va a Ciccio Vindigni, autore di una prestazione superlativa. Grande partita anche quella di Baiocco, e di Tiscione, l’attaccante meriterebbe il gol per quanto fatto vedere oggi, ma prima la traversa e poi un fuorigioco gli negano questa gioia. Partita da dimenticare per Meloni che, dopo aver fatto ingordigia di gol nel 2014, comincia male il nuovo anno: poco servito dai compagni, il bomber è stato un fantasma in campo. Il Rende si conferma un ottima squadra come dimostra la posizione in zona play-off.

LIVESICILIA

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.